Sub morti, gip rigetta giudizio immediato

Il gip Valeria Montesarchio ha rigettato la richiesta di giudizio immediato avanzata dal sostituto procuratore Stefano Pizza per Andrea Montrone e Maurizio Agnaletti, rispettivamente titolare del Diving Abc di Talamone (Grosseto) e il collaboratore dello stesso ”diving”.

La richiesta era pervenuta in cancelleria due giorni dopo il termine previsto dei 90 giorni per presentarla.

I due sono accusati di omicidio colposo plurimo per la morte dei tre sub umbri, Fabio Giaimo, Gian Luca Trevani e Enrico Cioli morti durante una immersione alle Formiche di Grosseto il 10 agosto scorso.

Secondo la perizia effettuata dal consulente della procura i sub sono morti per l’eccessiva quantità di monossido di carbonio contenuta nelle bombole caricate nel ”diving” di Montrone e Agnaletti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*