Magione, asilo nido: graduatoria esaurita

 
Chiama o scrivi in redazione


Magione- Scade il 31 agosto la consegna dell’Isee familiare per le agevolazioni

© Protetto da Copyright DMCA

Rette differenziate e riduzione del 20% per le famiglie che scelgono l’orario ridotto sono le novità introdotte per l’anno 2015/2016 per quello che riguarda l’asilo nido.

Su cinquantanove domande presentate ne sono state accolte cinquantaquattro, numero massimo consentito dall’autorizzazione regionale. Di questi, ventisette sono delle riconferme mentre i rimanenti sono nuove ammissioni.

«Nella sezione lattanti sono presenti otto bambini – spiega Eleonora Maghini assessore ai servizi socio-educativi del Comune – mentre gli altri andranno a comporre le due sezioni miste. Le nuove iscrizioni sono tutte di bambini residenti nel nostro territorio.

Le uniche due non residenti sono riconferme dello scorso anno». «Per quello che riguarda le rette – prosegue l’assessore – L’amministrazione comunale quest’anno ha introdotto la differenziazione della retta per venire incontro alle diverse esigenze delle famiglie e in tal senso, per chi ha optato l’orario ridotto (uscita alle ore 13.30) è prevista una riduzione del 20% della retta a tempo pieno assegnata in base alla fascia ISEE corrispondente.

«Per la nostra amministrazione continua a essere fondamentale sostenere questo importante servizio – spiega l’assessore –. La sua apertura ha rappresentato nel tempo un elemento di grande valore sociale per il nostro Comune.

Pensato sempre come servizio educativo volto a favorire la crescita dei bambini dai 3 ai 36 mesi di vita, ha potuto, e può, contare su un personale altamente qualificato e su spazi completamente ristrutturati.

Il livello di soddisfazione del servizio è sempre alto ed è per noi importante poter dare un supporto ai genitori proponendo anche attività aggiuntive che possano vederli coinvolti in prima persona come è successo quest’anno con gli incontri pomeridiani, volutamente aperti anche agli asili privati, organizzati con esperti (del settore)».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*