Panicale, alla “Potassa” uno dei primi Centri del riuso dell’Umbria

Panicale, alla “Potassa” uno dei primi Centri del riuso dell’Umbria

Panicale, alla “Potassa” uno dei primi Centri del riuso dell’Umbria

Realizzato a Tavernelle uno dei primi Centri del riuso dell’Umbria. E’ pronta la struttura che, una volta espletata la gara di gestione, rappresenterà il secondo spazio regionale, in cui restituire nuova vita ad oggetti altrimenti destinati alla discarica. Il nuovo Centro del riuso sorge nella zona industriale la Potassa (in Via Edison) e sarà al servizio dei territori di Panicale, Piegaro, Paciano, Città della Pieve e Castiglione del Lago. La sua presentazione è avvenuta questa mattina, in concomitanza con la posa della prima pietra della nuova Ricicleria che insisterà nell’area adiacente.

Il Centro entrerà in funzione dopo la gara per l’affidamento del servizio, che sarà espletata dal Comune di Corciano insieme a quella relativa al secondo Centro, destinato a servire l’altro versante del Trasimeno.

In linea con i principi dell’economia circolare, il Centro del riuso è uno spazio in cui la comunità può conferire i propri beni (utensili, mobili, elettrodomestici, attrezzature informatiche…) non ancora pronti per diventare rifiuti, e assicurare loro una seconda vita. Molteplici i vantaggi che se ne traggono: riduzione dei conferimenti in discarica, allungamento della vita di quest’ultima, minori costi per lo smaltimento dei rifiuti. La struttura ospiterà inoltre i “repair cafè”, con esperti in grado di riparare oggetti danneggiati o malfunzionanti.

Il Centro del riuso di Tavernelle ha avuto un costo di 175.000 euro ed è stato cofinanziato dalla Regione Umbria per un importo di 75.000 euro. Alla cerimonia di inaugurazione, promossa dal Comune di Panicale, hanno preso parte anche l’assessorato regionale all’ambiente, il Comune di Piegaro, l’Auri e la Tsa. Come detto, la giornata ha visto anche la posa della prima pietra della nuova ricicleria al servizio di Panicale che andrà a sostituire quella di Piazzale Amendola. Sarà pronta entro l’estate e consentirà di superare i limiti presenti in quella attuale.

Gli spazi, che nella vecchia risultano essere ormai non più adeguati ad una corretta e agevole fruizione del servizio, saranno resi perfettamente accessibili grazie ad una unica rampa sopraelevata, dove potranno transitare i veicoli dei privati che si troveranno sempre in posizione ideale per scaricare il materiale conferito negli scarrabili sottostanti dedicati alle varie tipologie di differenziazione. L’intenzione dunque è quella di dar vita ad uno spazio “moderno e decoroso” che tra l’altro risulterà in diretta connessione con il Centro dei Riuso.

Intanto, sempre in ambito di rifiuti, a Panicale capoluogo è partito il progetto di tariffazione puntuale, grazie all’impegno del Comune e della Regione Umbria.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*